Minima Cardiniana 221/2

Domenica 11 novembre 2018. XXXII Domenica del Tempo Ordinario. San Martino di Tours

Pubblichiamo un testo del prof. Giuseppe Panissidi, professore presso l’Università della Calabria, incentrato su un tema quanto mai attuale.

  Scontro di Civiltà e Fine della Storia. Riflessioni su Occidente e Islam

La tentazione di apporre un ‘assioma di chiusura’ alla storia è un vezzo relativamente recente, sconosciuto all’antichità e alla prima modernità. Per primo, ci prova G. W. F. Hegel, nel 1821. Di fronte al “diritto assoluto” di una civiltà dominante, scrive il grande teorico dell’idealismo classico tedesco, “gli spiriti degli altri popoli sono senza diritto, ed essi, come coloro la cui epoca è passata, non contano più nella storia universale”. La formazione sociale moderna, basata sul modello di produzione con capitale, e lo Stato liberale generato dalla Rivoluzione francese, scandiscono la “fine della storia”.

Venticinque anni fa, prima nel 1989, alla vigilia della caduta del Muro, dopo nel noto saggio del 1992, Francis Fukuyama ripropone la tesi. L’avvento della liberal-democrazia, sullo sfondo dei formidabili sviluppi cumulativi e direzionali della scienza e della tecnologia, e l’esito epocale della hegeliana “lotta per il riconoscimento”, reciproco ed eguale – ancorché reinterpretata – in contesto democratico, rappresentano secondo Fukuyama, la migliore soluzione possibile, per il “migliore dei mondi possibili”. Al riguardo, già A. Schopenhauer osservava, quasi divertito, che da un siffatto convincimento traluce un forte pessimismo: “Se questo è il miglior mondo possibile…”. In ogni caso, a giudizio di Fukuyama, ‘sembra’ di ‘potere’ escludere concrete possibilità di ulteriori mutamenti sostanziali entro lo scenario delle compagini politico-istituzionali degli Stati.  Continua a leggere

Pubblicato in MC

Minima Cardiniana 221/1

Domenica 11 novembre 2018. XXXII Domenica del Tempo Ordinario. San Martino di Tours

PETRA

Petra, nell’attuale Giordania sudoccidentale, a 120 chilometri circa a nordest del centro balneare di Aqaba sul Mar Rosso, divenne famosa anzitutto da quando, nel 1812, fu scoperta dal geografo ed esploratore Johann Ludwig Burckhardt, un eccentrico viaggiatore ventottenne che si era convertito all’Islam e che, in abiti beduini, sarebbe arrivato alcuni mesi dopo alle fonti del Nilo. Pochi anni dopo, nel 1828, la città e il pittoresco sistema di canyons scavati dall’azione millenaria dell’acqua sulle rocce al centro del quale essa si trovava furono visitati da due francesi abili disegnatori: Léon de Laborde e Louis-Maurice Linant de Bellefonds, futuro ingegnere capo dei lavori del canale di Suez. Da allora la città divenne mèta di viaggiatori e di turisti; la sua fama esplose, tuttavia, dopo ch’essa fu scelta quale cornice scenografica per il film di Steven Spielberg Indiana Jones e l’ultima crociata (1989). Continua a leggere

Pubblicato in MC

Minima Cardiniana 220/4

Domenica 4 novembre. XXXI Domenica del Tempo Ordinario

CHE COSA SUCCEDE IN TURCHIA?

ERDOGAN CONTINUA SULLA SUA STRADA

Non sono confortanti, le notizie che arrivano dalla Turchia. L’articolo uscito al riguardo su “Il Manifesto” a firma di Rberto Persia sembra documentato e attendibile. Non va d’altronde dimenticato che a tutt’oggi Erdogan è, piaccia o no, uno dei pochi politici che nell’orizzonte mondiale sembri avere una qualche proporzione di statista e che la sua politica estera, per ambigua che sia, è nondimeno interessante.

Roberto Persia

Il rapporto di Amnesty: I licenziati post-Golpe privati anche dei ricorsi

La Commissione d’inchiesta nominata da Erdogan ha riammesso al lavoro solo 2.300 dei 130mila lavoratori del settore pubblico cacciati. E con mansioni peggiori di prima

(“Il Manifesto”, 26.10.2018)

L’ondata di ricorsi che investe la Turchia trova un muro di fronte: 125mila dipendenti pubblici, licenziati dopo il tentato golpe del 15 luglio 2016 per presunti legami con associazioni terroristiche, sono oggi giudicati da una commissione nominata da Erdogan e i suoi ministri. Il report di Amnesty International, Purga senza ritorno? Nessun rimedio per i lavoratori licenziati nel settore pubblico in Turchia, che esce oggi, ne denuncia la situazione: solo l’1,7% sono stati riammessi al lavoro. Continua a leggere

Pubblicato in MC

Minima Cardiniana 220/3

Domenica 4 novembre. XXXI Domenica del Tempo Ordinario

NEOFASCISMO, NEOANTIFASCISMO, “PROTOFASCISMO”

FINALMENTE UNO STRUMENTO PER CAPIRE CHE COSA SIA IL FASCISMO E QUANTO CIASCUNO DI NOI RISCHI DI DIVENTARE FASCISTA (ANCHE SENZA SAPERLO E SENZA VOLERLO)

Non so se il mio Neofascismo e neoantifascismo (Edizioni la Vela), uscito da poco, abbia già ricevuto recensioni. L’Editore mi dice che le vendite non stanno andando male, ma che un quotidiano (ascrivibile, per la cronaca, al centrodestra “moderato”: e dove sono insediati signori cui so bene di non essere simpatico) ha esplicitamente rifiutato di recensirlo. D’altronde, i miei libri, di rado sono recensiti: qualcuno sostiene che accade perché “scrivo di cose spesso difficili” (il che può succedere, ma di solito non mi sembra: a parte qualche cosa di propriamente accademico), qualcun altro perché sono “troppo controcorrente”(?), “difficilmente etichettabile”(!), e magari “perfino palloso”; qualcun altro ancora perché ormai sarei “un mostro sacro”: io credo, più semplicemente, che succeda perché non sono un autore abbastanza importante e perché quel che scrivo non interessa granché quasi nessuno. Continua a leggere

Pubblicato in MC