Minima Cardiniana 361/0

Domenica 16 gennaio 2022
Seconda Domenica del Tempo Ordinario, San Marcello

(Domani, 17 gennaio, Sant’Antonio Abate, si benediranno gli animali. Quelli veri, che appunto Dio li benedica…)

INDICE
1. EDITORIALE
2. MOLTE NUOVE SUL COVID/1. METANO ED ELETTRICITÀ VERSUS CARBONELLA E CANDELE. TORNIAMO ALLA TRADIZIONE!
3. MOLTE NUOVE SUL COVID/2. A PROPOSITO DI EPIDEMIE: E SE MAGARI ANDAVA MEGLIO QUANDO ANDAVA PEGGIO?
4. MOLTE NUOVE SUL COVID/3. LA CILIEGINA AFRICANA SULLA TORTA PESTILENZIALE
5. PAX AMERICANA E NUOVE BOMBE NUCLEARI IN DIFESA DI PACE E DEMOCRAZIA
6. IL PAPA, LA MEMORIA, LA STORIA
7. UN FULGIDO ESEMPIO DI GIUSTIZIA. ORA, AVANTI CON GLI ALTRI…
8. LIBRI LIBRI LIBRI

Pubblicato in MC

Minima Cardiniana 361/1

Domenica 16 gennaio 2022
Seconda Domenica del Tempo Ordinario, San Marcello

EDITORIALE
CON DOLORE, CON RABBIA, CON VERGOGNA
Ne ho tantissimi, di difetti. Uno, soprattutto. Sono un collerico. Non me ne vanto, al contrario: ma non riesco a correggermi. Il punto è che oggi il mio accesso di rabbia, che come tutti gli attacchi di quel genere dura poco, supera perfino la vergogna che sto provando. E soprattutto viene dopo il dolore.
Continua a leggere

Minima Cardiniana 361/2

Domenica 16 gennaio 2022
Seconda Domenica del Tempo Ordinario, San Marcello

MOLTE NUOVE SUL COVID
Con tutto questo cancan a proposito dell’epidemia, ci siamo dimenticati del resto. È peraltro la regola inflessibile della società mediatica: la “memoria eterodiretta” funziona così. Bisogna stare in campana, altrimenti ci fregano. D’altronde, covid e vaccini eccetera non ci assolvono dalla necessità di tener presente che potremmo essere a un passo da una guerra guerreggiata, non sappiamo di che estensione. Le dimensioni della realtà sono molteplici e sincroniche: non possiamo consentirci il lusso di trascurarne alcuna. Continua a leggere

Minima Cardiniana 361/3

Domenica 16 gennaio 2022
Seconda Domenica del Tempo Ordinario, San Marcello

A PROPOSITO DI EPIDEMIE: E SE MAGARI ANDAVA MEGLIO QUANDO ANDAVA PEGGIO?
Questo articolo va dedicato al giovane pubblicista di successo che ha scritto di recente un best seller destinato a sputtanare i tanti poveri ingenui che qua e là continuano a sentenziare al Bar dello Sport che tutto sommato il Duce qualcosa di buono l’ha anche fatta; e magari potrebbe servire anche a far riflettere quel bòtolo ringhioso aretino (la definizione è dantesca: Purgatorio, XIV, 46-47) del quale ora ci sfugge il nome ma che continua a imperversare nelle edicole (e perfino in qualche libreria) nonché in TV ripetendo il Leitmotiv finissimamente critico secondo il quale il fascismo – è inutile che vi affanniate a leggere De Felice, Ernst Nolte, Emilio Gentile – “era solo merda”. Ammesso che i bòtoli ringhiosi siano capaci di riflettere… (FC) Continua a leggere