Il Graal. «Ludus scaenicus» in due atti

Il GraalIl Graal. «Ludus scaenicus» in due atti di Franco Cardini e Luigi Tani, Rimini, Il Cerchio, 2015, pp. 86.

Un “Ludus Scaenicus” che unisce un rispetto sostanzialmente rigoroso allo spirito della cosiddetta”Vulgata – Lancelot/Graal” due-trecentesca, sorta di “soap opera” medievale che mette insieme i vari motivi e le relative varianti del mito graalico, a suggestioni riprese da motivi cavallereschi ispirati ora a leggende al ciclo graalico prossime ma di differente natura – i temi morganatici, quelli melusiniani, la leggenda del veglio della Montagna, la “Sibilla Picena”, l’incontro tra sir Galvano e il cavaliere verde – e a un costante riferimento all’esegesi junghiana.

La cristofania di Galaad, tema centrale e definitivo di tutta l’opera, è il punto d’arrivo d’un percorso metastorico nel quale il Cristo-re e il Cristo-cavaliere si presentano, uniti nella sintesi del Cristo-Galaad, come l’Asse di tutte le vicende cosmiche e umane. Il “Ludus” si risolve e si conclude quindi in una celebrazione eucaristico-apocalittica.

In trasparenza, implicitamente ma anche in modo evidente, il “Ludus” è una risposta cristiana alla proposta naturalistico-buddhistica nelle due grandi opere graaliche wagneriane intese come la riproposizione della tragedia classica che spicca il volo verso il Futuro.

Franco Cardini

Link diretto per l’acquisto on-line:
http://www.ilcerchio.it/il-graal-ludus-scaenicus-in-due-tempi-di-franco-cardini-e-luigi-vani.html

Efemeridi & Spigolature 10

La Fiera dell’Impruneta

Il 18 ottobre, festa di San Luca, coincide all’Impruneta presso Firenze, sulla strada verso il Chianti, con la celebre festa che si svolge intorno al santuario della Madonna che, eretto su un antico luogo etrusco sacro al culto delle acque, ospita l’icona venerabile di una Madonna miracolosa che appunto al pennello di san Luca è attribuita. Al santuario convenivano per la festa di San Luca, scendendo dal Pratomagno per andar a svernare in Maremma, le mandrie che avevano passato l’estate sui verdi pascoli dell’Appennino. La “Fiera dell’Impruneta” era un appuntamento immancabile per i fiorentini e i toscani di una volta. E’ uno di quei luoghi e di quei momenti nei quali si capisce sul serio che cosa sono le radici identitarie, quelle vere, quelle che non gelano.

Sulle tasse

Il presidente Renzi ha affermato giorni fa che “abbassare le tasse non è di destra: è giusto”. Una frase incisiva, ma che andrebbe forse rimeditata. Continua a leggere

Minima Cardiniana 94

Domenica 18 ottobre 2015. San Luca Evangelista

SE LA RABBIA DIVENTA SPIRALE DELL’ODIO

Temo che ormai si possa solo temere il peggio, almeno nei prossimi giorni. Ma, questo è il punto, il peggio di che cosa, il peggio rispetto a che cosa?

Tutto il Vicino Oriente appare ormai in preda alla destabilizzazione: e non si fa purtroppo del complottismo o della “dietrologia” se accordiamo credito, sia pur con tutta la prudenza del caso, all’ipotesi che dietro al gravissimo attentato di Sichem/Nablus (Samaria) vi sia un’attenta regia: e che molte altre attente regie, parallele o concomitanti o avversarie rispetto ad essa, stiano lavorando. Diverse e magari opposte nei “segni” tattico-strategici che le animano, convergenti purtroppo nello scopo. Che è l’escalation d’uno scontro i coprotagonisti del quale sono molteplici: le forze palestinesi dell’Olp di Abu Mazen e di Hamas, tra loro contrapposte; il governo di Netanyahu e i servizi, che non sembrano reciprocamente concordi; il variopinto panorama degli jihadisti che soffiano sul fuoco; e magari, in disparte ma non troppo, perfino i principati sunniti della penisola arabica e l’Iran. Un gran bel puzzle, forse un cocktail esplosivo. Continua a leggere

Pubblicato in MC