Minima Cardiniana 315/4

Domenica 21 febbraio 2021, Prima Domenica di Quaresima

LA COMUNITÀ DI BOSE: CRISI, CAMBIAMENTO, O CHE ALTRO?

Pare che la comunità di Bose, il prestigioso centro di spiritualità e di cultura religiosa fondato nel Biellese da dom Enzo Bianchi, sia entrato in una fase di crisi la soluzione della quale è auspicabile ma non sappiamo quanto possibile né, se lo è, quanto prossima. Personalmente avevo su Bose qualche perplessità che si è andata diradando e quindi risolvendo col tempo: da una peraltro breve ma intensa e quanto fu possibile approfondita visita di alcuni giorni, ormai alcuni mesi or sono, riportai di quel luogo e di quel sodalizio religioso e umano una forte e intensa impressione. Con tutto ciò, e premesso che dom Enzo è un amico e io sono uno che gli amici non li rinnega e non li dimentica, non posso certo emettere giudizi su quanto è accaduto e sta accadendo. Certo, il “pasticciaccio bbrutto” (avrebbe romanescamente detto il Gran Lombardo Carlo Emilio Gadda), così come lo ricostruisce lo descrive Riccardo Larini, è impressionante. Non ho dubbi sulla sua sincerità e buona fede, ma confesso che mi farebbe un gran piacere se fosse smentito. Comunque, in piena libertà, questa è la sua testimonianza. Qualora se ne presentassero altre, anche (anzi, magari soprattutto) di segno contrario, saremo lieti di prestar loro la nostra modestissima voce. Teniamo frattanto conto di questa. Continua a leggere

Pubblicato in MC

Minima Cardiniana 315/5

Domenica 21 febbraio 2021, Prima Domenica di Quaresima

LIBRI LIBRI LIBRI
Francesco Benozzo, Memorie di un filologo complottista, Lucca, La Vela, 2021, pp. 112, euri 12,00
Esce in questi giorni un nuovo libro di Francesco Benozzo, il poeta-filologo-musicista da cinque anni stabilmente candidato al Premio Nobel per la letteratura, di cui abbiamo già parlato in questi mesi per il suo Poema sulla creazione dei mondi https://www.francocardini.it/minima-cardiniana-285-5/ e per la raccolta di interviste Poesia, scienza e dissidenza https://www.francocardini.it/minima-cardiniana-284-6/. Il volume che esce in questi giorni per le Edizioni La Vela è composto di 11 capitoli, nei quali Benozzo si espone, come dovrebbe forse fare ogni intellettuale, su questioni apparentemente diverse, dallo statuto della scienza come arte del dubbio alla filologia, dai rapporti tra spazio e tempo alla narrazione psicanalitica dell’inconscio, dagli studi danteschi al tradimento degli intellettuali contemporanei e in particolare di quelli che operano nel mondo universitario (ecco di seguito i titoli dei capitoli: 1. Scienza e complottismo; 2. O complottisti o negazionisti; 3. 1894: un filologo complottista contribuisce a smascherare la più grande cospirazione politico-sociale europea; 4. Vergognatevi! Vigliacchi!; 5. Reprobi di rango: perdersi nella foresta; 6. Il bosco sacro, il complottista e Dio; 7. Di complotto in complotto: e se il tempo fosse una nostra creazione?; 8. Complottismo e inconscio. Tre confutazioni della narrazione psicanalitica; 9. La congiura dei dantisti; 10. Il tradimento degli intellettuali. Supineria, complicità e sconfitta dell’Università all’epoca della narrazione pandemica; 11. Conclusione provvisoria: filologia, anarchia, libertà). Continua a leggere

Pubblicato in MC