Edizione straordinaria (MC 101)

Martedì 8 dicembre, Immacolata Concezione e giorno inaugurale dell’Anno Santo della Misericordia

NON POENA, SED CAUSA FACIT MARTYREM.

PER KHALED MUHAMMAD AL-ASAAD, IN MEMORIAM

La Siria è in fiamme. La Siria paga con il suo calvario forse anche i delitti e gli errori della “dinastia” alawita degli Assad che la governa dal 1970 – ma ch’era tuttavia riuscita a stabilire uno dei migliori e più ordinati stati sociali di tutto il Vicino Oriente e ad imporre una pace religiosa della quale le differenti comunità cristiane presenti sul suo territorio le erano e le restano grate –, e non tanto quelli dell’attuale qqis Bashar quanto quelli di suo padre Hafez; ma paga altresì le conseguenze dell’essere stata scelta come “capro espiatorio” da alcune potenze europee – segnatamente dalla Francia di Hollande e dalla Gran Bretagna di Cameron – che hanno denunziato il suo governo come principale repressore della “primavera araba” sul suo territorio laddove, come ormai tutti ben sappiamo, le “primavere arabe” sono state tutte (con forse l’unica eccezione tunisina) un bluff e un malinteso: e molti sono i governi la repressione dei quali è stata in realtà, in quei frangenti, ben più dura e spietata di quella assadista. Continua a leggere

Pubblicato in News