Minima Cardiniana 285/4

Domenica 7 giugno 2020, SS. Trinità

MA SUI GIOCHI DELLE ALLEANZE DOBBIAMO ANCORA VEDERNE, DI COSE…
Inutile preoccuparsi o gioire, ma qualcosa non va; o forse le cose sono diverse da come sembrano; certo lo sono da come ce le fanno vedere, da come ce le raccontano. Qualcuno in Occidente deve essersi accorto che far di tutto per emarginare la Russia significa obbligarla a spostarsi un po’ più ad oriente: ma ad Oriente c’è la Cina. Qualcuno in Europa deve aver cominciato a riflettere che forse, se si vuole introdurre un principio di mediazione tra USA e Cina, la Russia può riuscire utile; ma se alla Russia si affiancasse l’Europa, la mossa sarebbe più efficace. E allora che cosa ci guadagna l’Europa a ostracizzare la Russia solo per aver a suo tempo cercato di difendere i suoi confini occidentali dalla minaccia d’un rafforzamento dello schieramento della NATO contro di lei? Ma in questo caso che senso ha il patto d’acciaio fra la NATO e l’Europa? Una cosa è certa. Un passo come quello di Angela Merkel lo aspettavamo da tempo. Qualcuno ha sostenuto che sia avventato; qualcun altro che “i tempi non sono ancora maturi”. Ottimo argomento: a patto che chi lo usa ci dica anche a che punto è la notte. Continua a leggere

Pubblicato in MC

Minima Cardiniana 285/5

Domenica 7 giugno 2020, SS. Trinità

LIBRI LIBRI LIBRI. 1
L’OMERO DELLA CONTEMPORANEITÀ
Siccome è un amico, mi farebbe molto piacere se davvero Francesco Benozzo fosse “l’Omero della Contemporaneità”, come qualcuno lo ha definito. Mica a tutti càpita di esser amici di Omero. Certo è che siamo davanti a un autore molto speciale, e non solo perché sia candidato al Nobel. Sono in tanti a lamentare la ristrettezza di vedute e il “fiato corto” dei nostri studiosi, intellettuali, poeti. Non fosse che per questo, dovremmo salutare con gioia l’energia e il coraggio di chi ha ritrovato finalmente il coraggio di parlare di quelle cose delle quali, per definizione, sembra impossibile o inutile (e soprattutto maleducato) parlare. Continua a leggere

Pubblicato in MC

Minima Cardiniana 285/6

Domenica 7 giugno 2020, SS. Trinità

LIBRI LIBRI LIBRI. 2
FRANCESCO, I MINORI E LA TERRASANTA
Da quando, ormai alcuni anni or sono, Grado Giovanni Merlo sollevò con energia il problema, chiunque parli dei seguaci di Francesco d’Assisi prova sempre un certo imbarazzo, ch’è tutt’altro che puramente nominalistico: che cos’è il francescanesimo, che cos’è il minoritisimo? E i frati che noi chiamiamo “francescani” e ch’è più preciso definire “minori”, erano propriamente francescani oppure vanno chiamati minoriti? Badate che la questione è seria e scegliere una soluzione piuttosto che un’altra equivale a una scelta di campo alquanto netta.
Continua a leggere

Pubblicato in MC