Minima Cardiniana 302/4

Domenica 22 novembre 2020, Festa del Cristo Re

IN MEMORIAM
ROMANO ROMOLI (1930-2020)
Il mio vecchio amico Romano Romoli, mercante – mi rifiuto di definirlo commerciante – in Firenze, se n’è andato il 6 novembre scorso dalla sua bella e ingrata città, dov’era nato novant’anni or sono, il 7 dicembre del 1930. Era un uomo fedele: alla sua religione, alla sua città, alla sua patria, al suo mestiere, alla sua famiglia, agli amici. E ne aveva tanti: mi limito a ricordare Attilio Mordini, magari Giovanni Semerano, Massimo Cacciari, Vittorio Vettori, Giorgio Luti, Mario Luzi e moltissimi altri. Persone differenti, spesso scomode e difficili, che avevano in comune l’amarlo e lo stimarlo perché era un galantuomo.
Per i suoi novant’anni, avevamo pronta per lui una festicciola, magari a saracinesche abbassate nel suo fondaco (mi rifiuto di definirlo negozio) di Via de’ Pecori: in quell’occasione gli avremmo offerta la prima copia della sua autobiografia.
Non ce l’abbiamo fatta: ci ha preceduti. Modesto e schivo, come al solito. E forse anche un po’ stanco di questa nostra bella impossibile e insopportabile città, di questo mondo impazzito. Non ha aspettato l’Anno Dantesco, e sì che ci teneva. E non ha avuto nemmeno la pazienza di aspettare il suo novantesimo che sarebbe arrivato il 7 prossimo, giorno di sant’Ambrogio. Se n’è andato un mesetto prima, il 6 novembre. “Così ‘un ci si pensa più”, come avrebbe detto lui. Vi offro in onore della sua memoria l’
Anteprima dell’Invito alla lettura che avevo scritto per il suo libro, in attesa ch’esso veda la luce. Continua a leggere “Minima Cardiniana 302/4”

Minima Cardiniana 302/5

Domenica 22 novembre 2020, Festa del Cristo Re

LIBRI LIBRI LIBRI

Giuseppe Cremascoli, Piccolo gregge. I cristiani nell’ora che volge, Lucca, La Vela, 2020, pp. 113, euri 10,00.
In Italia escono troppi libri e c’è troppa gente che scrive e che pubblica: qualcuno ormai i libri se li fa da sé. Non ci sarebbe nulla di male se in Italia non ci fosse pochissima gente che legge, e la maggior parte di quella legge poco, legge robaccia, non sa scegliere, non ha nemmeno idea di come si faccia a schedare un libro e a ricordarsi di quello che esso dice. Questo è solo un segno del fatto che il paese va a rotoli. Ma, come dice Montale, “c’è chi sopravvive”. Chi continua ad aver fede: spes contra spem. Continua a leggere “Minima Cardiniana 302/5”