Minima Cardiniana 324/0

Domenica 25 aprile 2021
IV Domenica dopo Pasqua (Domenica “del Buon Pastore”)
Festa di San Marco Evangelista

INDICE
1. EDITORIALE
A proposito del “genocidio armeno” e di altri genocidi negati

2. EFFEMERIDI DI UN PAESE OCCUPATO
Manlio Dinucci
Ordine USA contro la Russia: Italia sull’attenti

3. FIORENTINATE
A proposito di “quer pasticciaccio bbrutto de Costa San Giorgio”

4. DULCIS IN FUNDO/IN CAUDA VENENUM.
25 APRILE: COMMEMORAZIONE, TORMENTONE RITUALE O CORSA ALL’ISTERISMO?
David Nieri
25 aprile, ovvero l’impossibile pacificazione
Luigi Copertino
In memoria di Giovanni Gentile

Pubblicato in MC

Minima Cardiniana 324/1

Domenica 25 aprile 2021
IV Domenica dopo Pasqua (Domenica “del Buon Pastore”)
Festa di San Marco Evangelista

EDITORIALE
A PROPOSITO DEL “GENOCIDIO ARMENO” E DI ALTRI GENOCIDI NEGATI
A caccia di tutti i modi possibili per procurare amici e alleati al suo diretto avversario, la Cina di Xi Jinping, Joe “Tiger” (!) Biden fa di tutto per spingere russi, iraniani, siriani e (vedrete) anche altri ad avvicinarsi a Pechino riempiendoli d’insulti e caricandoli di sanzioni. Una ben strana strategia diplomatica, visto che le ombre presaghe di un nuovo conflitto globale si vanno addensando nel cielo della politica e che sarebbe consigliabile far di tutto per diradarle. D’altronde, Deus, quos vult perdere, dementat; e, aggiungiamo, God bless America against American leaders…
Andando anche contro il parere dei suoi solidi alleati israeliani, Biden rinnova lo spauracchio del “genocidio armeno”, sgradito ad Ankara. E al solito, come si constata dai messaggi che pervengono on line, gli italiani si fanno cogliere di contropiede: genocidio sì-genocidio no, ma insomma che cos’è questa storia degli armeni? Continua a leggere

Minima Cardiniana 324/2

Domenica 25 aprile 2021
IV Domenica dopo Pasqua (Domenica “del Buon Pastore”)
Festa di San Marco Evangelista

EFFEMERIDI DI UN PAESE OCCUPATO
Sovranisti di tutta Italia, svegliatevi! Non state a dormir sugli allori, ora che il mare sembra fare con grande efficienza il lavoro di “pulizia dei migranti” che voi da tempo auspicate! Non v’illudete che basti lasciar annegare dei disgraziati per risolvere i vostri problemi: è vero che siete in balìa dello straniero, peccato solo che esso non sia affatto rappresentato dal “popolo dei gommoni” del quale – o della parte di esso che prende indenne terra – noi abbiamo tanto bisogno, sia come manodopera “al nero” sia come badanti sottopagati dei nostri anziani. I veri occupanti, politici e militari, non vi accontentate di averli in casa. Siete letteralmente ai loro ordini. Ormai da decenni essi costringono i nostri soldati a far loro da ascari, da shumbashi, da gurka: eppure voi guardate da un’altra parte, oppure ripetete i mantra beoti della “difesa della civiltà occidentale” e degli “italiani brava gente”. Fortuna soltanto che l’avete piantata con “l’esportazione della democrazia”.
Ora, poi, torna di moda la Guerra Fredda. Contro il “dittatore” Putin: e che sia tale, ve lo assicurano il presidente Mario Draghi e il dottor Pigi Battista: che volete di più?
Ma il comunista Dinucci, l’infame, non è d’accordo: e continua a provocare, a calunniare. Anzi, ne ha inventata una nuova: per meglio nascondere le sue criminali intenzioni, ha escogitato un’altra sleale manovra. Dice la verità. Si può essere più perfidi?
Continua a leggere

Minima Cardiniana 324/3

Domenica 25 aprile 2021
IV Domenica dopo Pasqua (Domenica “del Buon Pastore”)
Festa di San Marco Evangelista

FIORENTINATE
A PROPOSITO DI “QUER PASTICCIACCIO BBRUTTO DE COSTA SAN GIORGIO”
Eccoci a un’altra Sceneggiata Fiorentina. Nella Città del giglio, ch’è anche la Città di Stenterello, ci siamo abituati. L’Italia è una repubblica democratica parlamentare fondata sulla demobilitazione sociale e quindi sulla disinformazione. Abbiamo istituzioni di governo centrali e periferiche, istituzioni amministrative, partiti politici e una grande gamma di media: eppure siamo sempre, cronicamente, disinformati. Colpa senza dubbio di noialtri governati, che siamo distratti e approssimativi; ma forse anche di coloro che a vario livello di governano, ci dirigono e ci condizionano, i quali tutto sommato amano molto la nostra distrazione che permette loro libertà altrimenti impensabili.
Piano regolatore generale, circolazione, destinazione d’immobili non usati e spesso nemmeno restaurati eccetera: le grane, se e quando escono alla luce del giorno, sono infinite. Come quella dell’ex caserma del Corpo Medico Militare ed ex convento di San Giorgio, un gioiello in rovina, da tempo proprietà demaniale, sito in un angolo di Firenze tanto bello e pittoresco quanto ormai fatiscente ed esposto a tutto, dalle frane alle speculazioni.
Un’associazione di cittadini ha lanciato l’allarme: vuoi vedere che qui, zitti ziti, si sta consumando un grosso
business privato all’insaputa dei cittadini? Circola al riguardo un documento. L’ho firmato anch’io, che a quell’associazione non appartengo ma che ritengo sia opportuno sorvegliare per impedire abusi e speculazioni illegittime.
Ho diffuso una “lettera aperta” al sindaco di Firenze. In fondo, lui è il mio sindaco e io sono un cittadino anziano, un oltrarnino DOC, per quanto ormai i casi della vita e le mie modeste finanze mi abbiano costretto a ritirarmi a Bagno a Ripoli. E poi siamo vecchi amici.
Continua a leggere