Minima Cardiniana 334/4

Domenica 4 luglio 2021, Santa Elisabetta di Portogallo

RICORDANDO UN’INFAUSTA RIBELLIONE
…PURTROPPO, SUA MAESTÀ BRITANNICA AVEVA TROPPI SCRUPOLI
I native Americans della parte settentrionale del continente americano furono purtroppo molto più sfortunati degli indios di quella centrale meridionale. Là, non ci furono le nuevas leyes promulgate in pieno Cinquecento da un sovrano cattolico e simpatizzante di Erasmo da Rotterdam che accettò i consigli del domenicano frate Bartolomé de las Casas mettendo come e finché gli fu possibile un limite agli abusi e alle violenze dei conquistatori europei sugli indigeni (ai quali si aggiunsero presto gli schiavi provenienti dall’Africa). E i discendenti dei conquistatori, insieme con quelli delle loro vittime, credettero bene nel corso dell’Ottocento di liberarsi dell’eredità giuridica di quel regno di Spagna che almeno per due secoli aveva cercato d’impedire gli abusi, lasciando infine solo la Compagnia di Gesù a combattere la Buona Battaglia. Né Voltaire né Italo Calvino hanno mai capito nulla – o mostrar d’aver capito – in quella storia. Ma Bergoglio la conosce molto bene. Continua a leggere

Minima Cardiniana 334/5

Domenica 4 luglio 2021, Santa Elisabetta di Portogallo

I SOVRANISTI DISTRATTI, OVVERO LA SOVRANITÀ RIVENDICATA. GUARDANDO ALTROVE
LA “CARTA DEI VALORI EUROPEI”, OVVERO IL MANIFESTO DEI “SOVRANISTI”
“Contro l’ideologia tecnocratica di Bruxelles”: è questo lo slogan attraverso il quale diverse forze politiche dell’Unione hanno firmato un documento per ostacolare l’operato delle istituzioni europee, definite “uno strumento di forze radicali che vorrebbero realizzare una trasformazione culturale e religiosa per arrivare alla costruzione di un’Europa senza Nazioni”. Continua a leggere

Minima Cardiniana 334/6

Domenica 4 luglio 2021, Santa Elisabetta di Portogallo

VECCHIE (E NUOVE?) DISCRIMINAZIONI
THIERRY MEYSSAN
COSÌ L’UNIONE EUROPEA STRUMENTALIZZA GLI LGBTQI+ UNGHERESI
Tutti sono concordi: le discriminazioni legali devono finire. Ma alcuni europei ne accusano altri di volerne istituire. È quanto sta facendo Bruxelles nei confronti dell’Ungheria. Ma indagando più a fondo si scopre che l’argomentazione della UE è disonesta e nasconde interessi inconfessabili.
Il 15 giugno il parlamento ungherese ha adottato una legge che vieta la promozione dell’omosessualità fra i minori.
Il 21 giugno 2021, durante la riunione dei ministri degli Esteri dell’Unione Europea, è stato deciso di avviare una procedura contro l’Ungheria, non per “evidente pericolo di violazione dello stato di diritto”, ma per “evidente pericolo di violazione dei valori su cui si fonda l’Unione” (12266/1718REV 1COR 1). Continua a leggere

Minima Cardiniana 334/7

Domenica 4 luglio 2021, Santa Elisabetta di Portogallo

CONTINUA A MANCARCI
AMERINO GRIFFINI
UN RICORDO DI ALEXANDER LANGER (1946-1995)
3 luglio 1995. Alexander Langer si toglie la vita affidandosi al ramo di un albero sulle colline di Firenze, al Pian dei Giullari.
Era nato a Sterzing (la tolomeizzata Vipiteno) nel 1946, figlio di un medico viennese e di una tirolese.
Dopo la maturità era diventato fiorentino di adozione trasferendosi a Firenze per studiare Giurisprudenza.
E a Firenze si era laureato nel 1968; poi, la seconda laurea a Trento, in Sociologia, nel 1972. Ma c’è un percorso della vita che non si studia a scuola, è quello dell’Utopia. Il “viaggiatore leggero” aveva iniziato il suo percorso politico-impolitico nell’estremismo giovanile di Lotta Continua. Continua a leggere