Minima Cardiniana 392/1

Domenica 18 settembre 2022, San Giuseppe da Copertino

EDITORIALE
VIGILIA
Durante le vigilie di qualcosa, di solito, si tace e si medita. Potrei nascondermi dietro la mia età e sostenere di aver già detto abbastanza. In fondo, le cose sono molto chiare: chi voleva capire, ha capito.
I tempi possono ben aver il diritto di trascinarci nella loro direzione: ma noi abbiamo a nostra volta bene il diritto di non volerci andare e di non andarci. Il 25 fate quel che vi pare: ma rispettate almeno questi argini.
Il principio inderogabile è uno solo: non si vince quando la vittoria coincide con il ribadire le proprie catene. L’infausta adesione al patto NATO ci obbliga a far parte di una scellerata coalizione internazionale, a dilapidare i pochi soldi che abbiamo nell’acquisto di armi destinate a decimare il popolo ucraino per sostenere i progetti e gli interessi di una potenza internazionale che ha già imboccato il viale del tramonto. Non votate per chi vi trascina a sostenere una guerra dalla quale invece è necessario uscire al più presto. Non votate per chi vi obbliga a importare il cattivo gas liquido statunitense per riconvertirlo a spese folli. Non votate per chi va a caccia di chi avrebbe ricevuto finanziamenti russi inesistenti sapendo benissimo che chi asservisce il suo paese allo straniero sta da anni anche sul suo libro paga.
FC

Minima Cardiniana 392/2

Domenica 18 settembre 2022, San Giuseppe da Copertino

CHI VINCE, CHE COSA VINCE, IN CHE SENSO VINCE?…
“MELONI VINCERÀ LE ELEZIONI MA L’EGEMONIA CULTURALE DELLA DESTRA È ANCORA LONTANA”
Intervista a Marco Tarchi a cura di Valerio Renzi
Marco Tarchi, politologo, è professore alla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Firenze. Per lungo tempo impegnato attivamente a destra, è stato tra i punti di riferimento più autorevoli della Nuova Destra italiana. Oggi se la prende moltissimo quando – e gli càpita: come ad altri, del resto… – lo definiscono di destra: e ciò non perché sia “passato a sinistra”.
Voce spesso critica e dissonante, negli ultimi anni si è occupato in particolare modo di studiare le forme del populismo in Italia e non solo. L’intervista di Renzi mira a mettere in una prospettiva di più lungo periodo l’annunciata vittoria di Giorgia Meloni e della destra postmissina alle prossime elezioni. Continua a leggere

Minima Cardiniana 392/3

Domenica 18 settembre 2022, San Giuseppe da Copertino

QUESTIONI DI BILANCIO E QUESTIONI DI EQUILIBRIO
EMERGENZA CONTINUA (E SENZA DENARI)
di Michele Rallo
Scostamento di bilancio sì, o scostamento di bilancio no? Oramai è scontro anche all’interno delle stesse coalizioni. Nel centrodestra Salvini chiede uno “scostamento” di 30 miliardi di euro (peraltro assai modesto) sostenendo che è meglio fare 30 miliardi di debiti adesso e salvare migliaia di imprese, piuttosto che farne 100 fra qualche mese per evitare chiusure generalizzate e licenziamenti in massa. Come dargli torto?
La Meloni, invece, con i piedi piantati saldamente per terra, è di tutt’altro avviso, perché con il nostro debito pubblico già alle stelle (ben oltre il 150% del PIL) sarebbe da folli aumentarlo ancora. Come dare torto anche a lei? Continua a leggere