Minima Cardiniana 476/4

Minima Cardiniana 476/4

Domenica 14 luglio 2024, San Camillo de Lellis

ALCIDE DE GASPERI ANTISEMITA?
IL PROBLEMA DEL PARADIGMA STORICO-TEOLOGICO DELL’OCCIDENTE
di Luigi Copertino
Nelle righe, che seguono, vogliamo affrontare dal vivo uno dei più delicati problemi che si presentano oggi all’uomo moderno occidentale. Una complessità che non adeguatamente affrontata, ossia laddove non vengano usate chiavi metodologiche ed ermeneutiche adeguate, potrebbe portare, presso il più vasto pubblico a digiuno di problemi storici e tendente ad accreditare semplificazioni giornalistiche sovente riduttive e banalizzanti, a convinzioni deleterie e false. E lo facciano, giusto per metterne in evidenza la citata complessità, prendendo lo spunto da una polemica montata quasi venti anni fa in merito agli scritti giovanili di Alcide De Gasperi sull’ebraismo che hanno fatto (s)parlare qualcuno di un “De Gasperi antisemita”. Continua a leggere “Minima Cardiniana 476/4”

Minima Cardiniana 476/5

Minima Cardiniana 476/5

Domenica 14 luglio 2024, San Camillo de Lellis

VELA A MOMPRACEM
STEFANO E FRANCESCO
di Luigi G. de Anna
Abitavo a quel tempo in un basso bungalow sulla riva destra del Mekong. Dalla veranda potevo seguire le barche dei contadini che si recavano al vicino talaad e le chiatte che facevano servizio risalendo e scendendo la corrente. I contadini oramai mi conoscevano bene e mi salutavano con un amichevole gesto della mano quando passavano davanti al bungalow. Portavano al mercato la frutta dei loro campi e di tanto in tanto, per vendermela, si fermavano all’imbarcadero che avevo costruito per la scialuppa a motore. Avevo imparato abbastanza bene il thai, ma non capivo ancora il dialetto di quella provincia. Non compravo comunque molto da loro, e se lo facevo era più per una forma di cortesia, perché dietro la mia casa anche io avevo banani, palme che fornivano noci di cocco, piante di limes che Teeng faceva crescere in giare di terracotta, e alberelli di papaya e mango. Era Soong, il cugino di Teeng, che se ne occupava, come dei campi di riso che avevo comprato. Quando era il tempo del raccolto, venivano ad aiutarmi altri cugini di Teeng (doveva essere veramente una famiglia numerosa), ed io stesso indossavo gli stivali di gomma per immergermi nell’acqua della risaia. Teeng si occupava del pollaio, che forniva uova fresche e, all’occasione, polli da arrostire. Continua a leggere “Minima Cardiniana 476/5”

Minima Cardiniana 475/1

Minima Cardiniana 475/1

Domenica 7 luglio 2024, Beato Benedetto XI

EDITORIALE
Molti amano la storia per anniversari. Di tanto in tanto, anch’io amo adeguarmi: e vorrei ricordare qui il Novantesimo dei moti parigini del febbraio 1934, quando i partecipanti a due “opposti” cortei, uno di destra e uno di sinistra, si unirono per protestare contro il governo intonando a turno la Marseillaise e l’Internazionale. Il giornalista e scrittore Robert Brasillach, vicino all’Action Française, commentò: “Avrei voluto che quel momento non fosse finito mai”. Undici anni dopo, Brasillach veniva fucilato per tradimento: fu De Gaulle a volere quell’esecuzione, contro la quale  si era levata la voce di molti. Continua a leggere “Minima Cardiniana 475/1”