Minima Cardiniana 102

Mercoledì 9 dicembre 2015, San Siro

franco-cardini_fondo-magazineCari Amici,

            vengo sollecitato da moltissimi di voi a proseguire il mio resoconto della situazione siriana e vicino-orientale avviato con il MC di martedì scorso (a proposito, errata corrige: Raqqa è in Siria, non in Iraq). Alla luce del fatto che sauditi e qatarioti sembrano essere ormai usciti allo scoperto chiamando a raccolta le forze sunnite, ovviamente curdi esclusi anche per non indispettire l’alleato o comunque l’amico Erdoğan, e quindi passando a una fase ulteriore della loro “fitna” antisciita e antiraniana, diviene molto interessante il fatto che anche i nostri media si siano di fatto allineati: e giù a sottolineare il comportamento aggressivo russo (una nave da guerra nel Bosforo: orrore!; navi che dal Mediterraneo lanciano missili sugli obiettivi filo-IS, perché ormai è chiaro che le milizie siriane antiassadiste sono quanto meno obiettivamente tali: raccapriccio!; Putin “si augura” – minacciosamente, “terroristicamente” – di non dover armare i suoi missili con testata atomica: ah, il criminale! Perché ovviamente i missili a testata atomica nel Vicino Oriente non ce l’ha nessuno, e il vero pericolo sono i missili convenzionali “a media gittata” che sarebbero stati testati dagli iraniani, come sempre i nostri media informano). Continua a leggere “Minima Cardiniana 102”

Minima Cardiniana 101

“VOICI LE TEMPS DES ASSASSINS”

Domenica 6 dicembre, II Domenica d’Avvento

Carissimi, trovo le cose che Blondet fa circolare sempre di grande interesse: naturalmente, non sempre sono d’accordo (quasi mai quando parla di papa Francesco), ma spesso sì. Questa sui ‘droni’ dovrebb’esser letta nelle scuole.

L’Occidente senza katechon . E i suoi boia.

Qualche giorno fa’ quattro ex piloti di droni per conto dell’Air Force hanno scritto una lettera aperta al presidente Obama per dire tutto l’orrore di esecutori del programma di assassini mirati dal cielo, dal presidente comandati. Ne hanno descritto la crudeltà e la bassezza. Dal loro schermo in Virginia, uccidono persone in Afghanistan, Pakistan Irak, migliaia di chilometri di distanza. Uccidono soprattutto civili, secondo liste preordinate basate su informazioni di intelligence approssimative; spesso quelli che uccidono sono palesemente innocenti che nulla hanno a che fare col terrorismo islamico.

Bryant, Haas e Westmoreland
Bryant, Haas e Westmoreland

Continua a leggere “Minima Cardiniana 101”

Minima Cardiniana 100

Domenica 29 novembre. Prima Domenica d’Avvento

NUMM’O PIAC’ ‘O PRESEPIO

Ho sempre amato Eduardo e il suo teatro; adoro Napoli e la sua parlata. Ma non avrei mai pensato di dover assumere un giorno a mio motto, a mia divisa, una battuta di Natale in casa Cupiello che personalmente disapprovavo. Ebbene, invece ora sì, sono d’accordo: non in assoluto, ma finché questo tempo di matti non sia passato. E fino ad allora, lo proclamo con dolorosa fermezza: “Numm’o piac’ ‘o presepio”. E mi spiego meglio.

All’indomani del tragico 13 novembre parigino, assieme alle reazioni inconsulte del presidente-bombardiere Hollande in cerca di vendetta e ovviamente di quella popolarità che progressivamente è andata calando attorno a lui, nonché ai successivi tentativi di porre riparo alla sua ennesima sciocchezza che hanno condotto allo spettacolo del duplice schieramento degli “alleati-rivali” formalmente nemici dell’IS ma in pratica ben decisi a scavalcarsi e a silurarsi a vicenda – da una parte la NATO cui si era rivolta la Turchia con la benevola attenzione di Arabia Saudita e Israele, come si è visto al “vertice” fiorentino del 26 novembre; dall’altra Hollande che, dopo aver tentato di coinvolgere l’Unione Europea strappandole la legittimazione del suo raid solitario su Raqqa, si volgeva alla Russia e quindi alla sua alleanza siriano-curdo-irakeno-iraniana, facendo intravedere a Putin la possibilità di una maggior apertura a proposito del domani di Assad –, abbiamo assistito anche alle reazioni dell’opinione pubblica: dalla commovente elaborazione del lutto nazionale da parte dei francesi fino al dibattito ampio e articolato nei giorni successivi dal quale è tuttavia emersa una netta avanzata delle tesi indirizzate ad addossare le responsabilità dell’accaduto all’Islam nel suo complesso, nonostante le molte e importanti prese di posizione di organizzazioni musulmane che con decisione e senza ambiguità condannavano il terrorismo (“Not in my name”), fino a un’allarmante crescita dell’islamofobia più bécera e volgare, con punte di autentico delirio psicotico. La parata dell’imbecillità ha raggiunto livelli che il più pessimista degli osservatori avrebbe giudicato impossibili a conseguirsi. Continua a leggere “Minima Cardiniana 100”

Minima Cardiniana 99

CHE COS’E’ QUESTA CRISI?

Domenica 22 Novembre, Cristo Re dell’Universo

Gli storici sono, in genere, cattivi profeti: specie quando temono di dir cose che potrebbero farli passare per altrettante Cassandre. D’altronde, quando andava di moda un certo determinismo comunque déguisé (magari travestito da mediocre storicismo) tentar qualche cauta profezia era più facile e comunque più ammissibile: per quanto, poi, si dovessero affrontare delusione e disincanto perché non se ne indovinava mai una.

Ma se ciò è vero per gli “storici” di professione, vale a dire per gli studiosi, va meglio nel campo della politica o dei media? Non sembra proprio. Andatevi a rileggere, a riascoltare o a rivedere quel che in quei due àmbiti si diceva in un recente o addirittura recentissimo passato, all’indomani del fatidico 11 settembre 2001 o alla vigilia dell’aggressione all’Afghanistan oppure di quella all’Iraq di pochi mesi più tardi. Oggi si torna a parlare dell’incubo di attacchi biochimici, e senza dubbio la minaccia non può essere né sottovalutata né tantomeno ignorata, la guardia va tenuta alta anzi altissima: eppure, vi ricordate la faccenda dell’antracite e la penosa figura di Powell (il quale fra quelli della Banda Bush era fra l’altro l’ultimo a meritarla) che agita sotto il naso dei rappresentanti delle Nazioni Unite una patetica bottiglietta simile a quelle di acetone che le signore usano per le unghie. Oggi, va di moda lodar cupamente le virtù profetica di Oriana Cassandra Fallaci: eppure dovrebb’essere chiaro proprio a tutti, compreso ai Maestri di Vigevano e alle Casalinghe di Voghera, che Oriana Cassandra – alla quale io non so non pensare se non con affetto, ammirazione e riconoscenza perché ha scritto Un uomo e Lettera a un bambino mai nato – a proposito dell’Islam ha sbagliato in pieno e, con le sue pagine così dure e violente, ha causato più mali della grandine. Se c’è una cosa che ormai è chiara, specie dopo la nascita dell’IS e l’orrore del 13 novembre a Parigi, è che quello che lei descriveva come il vero e unico Islam non è, viceversa, proprio Islam per nulla: e lo dicono i musulmani per primi. Se potevano finora sussistere equivoci residui, oggi l’empia, blasfema ferocia dei terroristi ha irreversibilmente provocato all’interno dello stesso Islam, anche negli ambienti fino a ieri in qualche modo sensibili alla sirena jihadista, una risposta fondata sul disincanto. Continua a leggere “Minima Cardiniana 99”