Minima Cardiniana 361/4

Domenica 16 gennaio 2022
Seconda Domenica del Tempo Ordinario, San Marcello

LA CILIEGINA AFRICANA SULLA TORTA PESTILENZIALE
E infine, una notizia splendida. Come giustamente e orgogliosamente diceva Berlusconi già nel 2001, e noi in altra parte di questo numero abbiamo fedelmente riferito: “Noi dobbiamo essere consci della superiorità della nostra civiltà, che consiste di un sistema di valori che ha dato alla gente una diffusa prosperità nei paesi che l’hanno abbracciata, e garantisce rispetto per i diritti umani e le religioni. Questo rispetto di sicuro non esiste nei paesi Islamici”. Quanto era vero, quanto resta tale! In Africa, per esempio: dove installavamo missioni cristiane di varie Chiese e distribuivamo coperte infette per risolvere i problemi di sovrappopolazione dei nativi, mentre re Leopoldo del Belgio – cattolico e liberale – tagliava umanitariamente manine e piedini dei ragazzi congolesi sorpresi a cercar di evadere dalle sue miniere. Poi, abbiamo saputo che le case farmaceutiche occidentali si sbarazzano umanitariamente dei farmaci scaduti inviandoli come soccorso umanitario nel continente africano: un po’ come da noi certe aziende alimentari che rivogano alimenti semiscaduti facendoli riciclare in supermercati di quint’ordine e di infima scelta, quelli frequentati dal sottoproletariato nostrale e da quello extracomunitario. Ora, da noi, c’è chi ci sta provando con il covid: tantopiù che sembra che gli africani, a causa della collusione dei batteri covid con la malaria, siano già naturalmente avvantaggiati rispetto a noi. Civiltà superiore, come dice il futuribile presidente della repubblica. Continua a leggere

Minima Cardiniana 360/3

Domenica 9 gennaio 2022
Battesimo del Signore, Conclusione del Tempo Natalizio

ANCORA IL COVID
Sul covid, anche se è ancora presto, risulta interessante il parere di Federico Rampini a proposito della “catastrofe annunziata” in Africa. Quindi, un messaggio dall’“irriducibile” refrattario Francesco Benozzo, del quale si piò pensare quello che si vuole ma che ha comunque dalla sua la coerenza e che non è saltato su un tram che il governo gli offriva. Continua a leggere

Minima Cardiniana 338/4

Domenica 1 agosto 2021, S. Alfonso Maria de’ Liguori

QUADERNI AFRICANI
L’Africa sarà sempre più in prima linea, nei nostri interessi del futuro. È da poco uscito un attesissimo libro dell’amico Giovanni Armillotta, animatore della bella rivista “Africana”, del quale parleremo a lungo nei prossimi numeri. Intanto, un primo “assaggio” su un tema per tanti versi “primario”: il grande fiume sulle rive del quale è letteralmente nata la storia come espressione di volontà di ordinare e razionalizzare la memoria. Continua a leggere

Pubblicato in MC | Contrassegnato

Minima Cardiniana 317/2

Domenica 7 marzo 2021, III Domenica di Quaresima

EDITORIALE
FINALMENTE L’AFRICA
Battiamo il fero finché è caldo. L’assassinio del nostro ambasciatore ci permette di forare il muro dell’omertà: o almeno c’invita a farlo. Ma non ci possiamo, non ci dobbiamo accontentare delle cose più ovvie. Altrimenti tutto finisce nella solita requisitoria convenzionale contro il terrorismo. Che cos’è che non va nel continente più ricco della terra, che ospita i più poveri del globo? Convinciamocene: quello che non va è proprio ciò.
L’Africa è stata per troppo tempo un “continente negato”. Mèta di avventure coloniali e di romantici viaggi, terra tanto affascinante da generare in chi la conosceva una vera e propria malattia tra lo psicologico e il sentimentale – il “mal d’Africa” –, oggetto dell’amore di personaggi che vanno da Karen Blixen a Leo Frobenius, teatro delle gesta cinematografiche di Clark Gable, di Ava Gardner, di Humphrey Bogart e di Katherine Hepburn, è rimasto nella sostanza un continente avvolto in una spessa cortina di pregiudizi e di stereotipi. Dall’Africa sono provenute, negli ultimi due secoli, gran parte delle materie prime che hanno consentito all’Occidente il suo straordinario decollo socioeconomico e il conseguimento di un distacco incolmabile rispetto al resto del mondo in termini di qualità della vita: eppure, poco abbiamo studiato a scuola e meno ancora capito di quello che in quell’immenso territorio andava accadendo. Continua a leggere

Pubblicato in MC | Contrassegnato