Minima Cardiniana 397/4

Domenica 23 ottobre 2022, San Giovanni da Capestrano

GIORGIA MELONI E L’ATLANTISMO DI DESTRA
IL GOVERNO MELONI E LA LUNGA MARCIA DELL’ATLANTISMO NELLA DESTRA ITALIANA
di Vincenzo Silvestrelli
Sull’atlantismo la presidente del Consiglio incaricata Giorgia Meloni è stata sempre molto chiara. In questo periodo di guerra, però, non le sarà facile dare risposte stretta com’è fra i diktat occidentalisti e la realtà dell’economia italiana profondamente danneggiata dalle sanzioni alla Federazione Russa.
Venerdì pomeriggio il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, su indicazione unanime del centrodestra, ha affidato alla leader del partito post-fascista Fratelli d’Italia Giorgia Meloni l’incarico di formare il nuovo Governo. Finora non sono mancati gli attacchi alla premier neo-incaricata di essere impresentabile in quanto “neo-fascista”. In realtà l’essere post-fascista è cosa molto diversa dall’essere neo-fascista e, anzi, fascismo e neo-fascismo non sono due fenomeni in continuità nel nostro Paese. Il neo-fascismo nacque e fu gestito in funzione anti-comunista e atlantista. La presenza di altre ispirazioni culturali fu limitata in sede politica. Continua a leggere