Minima Cardiniana 450/5

Minima Cardiniana 450/5

Domenica 14 gennaio 2024
II Domenica del Tempo Ordinario; San Felice di Nola, San Nino

IL SUICIDIO DI HABERMAS
QUANDO UN GRANDE FILOSOFO SI LIMITA A FARE IL VERSO AD UN POLITICO QUALUNQUE LA FILOSOFIA È MORTA
di Paolo Becchi
La recente dichiarazione firmata, tra gli altri, da Jürgen Habermas, l’ultimo esponente della “Scuola di Francoforte”, rivendica, dopo le “atrocità” compiute da Hamas e la risposta israeliana, l’esistenza di alcuni “princìpi che non dovrebbero essere messi in discussione”, e che sarebbero “alla base di una solidarietà giustamente intesa con Israele e gli ebrei in Germania”. L’argomento è, in buona sostanza, il seguente: poiché scopo dell’azione di Hamas sarebbe quello di “eliminare la vita ebraica in generale”, criticare la reazione israeliana sarebbe di fatto impossibile senza ricadere, intenzionalmente o meno, in una posizione antisemita. Per questo la solidarietà è a Israele e agli ebrei in Germania: perché – si finisce per suggerire – attaccare Israele è anche attaccare gli ebrei tedeschi, è attaccare gli ebrei in quanto tali. Un ragionamento che potrebbe fare, e ha pure fatto, un Robert Habeck, ma da un filosofo, e del calibro di Habermas, ci saremmo aspettati qualcosa di più. Ci permettiamo pertanto di fare alcune considerazioni critiche. Continua a leggere “Minima Cardiniana 450/5”

Minima Cardiniana 444/2

Minima Cardiniana 444/2

Domenica 10 dicembre 2023, II Domenica di Avvento

IL VICINO ORIENTE, GAZA E IL “VETO” STATUNITENSE ALLA TREGUA
UN VULNUS DIFFICILE DA DIGERIRE E UN’ISTITUZIONE DA RIFORMARE
Siamo come spesso succede un po’ in ritardo con i nostri MC, che dovrebbero uscire alla domenica e vedono sempre più spesso la luce al martedì. Ma ciò sovente comporta ripensamenti salutari. Scrivo al mattino di lunedì 11.12, e mi ha sulle prime sorpreso un “fondo” di Paolo Mieli, Scoprirsi (adesso) pacifisti. Non avendo subito fatto caso al pur eloquente sovrattitolo, Sinistra e Ucraina, avevo pensato a un’allusione favorevole al “veto” statunitense alla proposta di tregua immediata emersa in sede di Nazioni Unite. Mieli viceversa se la prende con chi è favorevole alla pace a proposito del conflitto russo-ucraino e per questo sembra perorare la causa di concessioni a Putin. Non sono d’accordo con Mieli a proposito di questo tema, però sono felice che non abbia difeso la scelta a mio avviso criminale di Biden che prolunga il massacro di Gaza, rischia fortemente di alimentare estremismo e terrorismo musulmani e soprattutto aggrava le sofferenze del popolo palestinese.
E parliamo della scelta di Biden, lodata da Netanyahu: parliamo del suo carattere e magari delle sue possibili conseguenze. Continua a leggere “Minima Cardiniana 444/2”

Minima Cardiniana 442/1

Minima Cardiniana 442/1

Domenica 26 novembre 2023, Cristo Re
(ultima domenica dell’anno liturgico romano)

EDITORIALE
STATO D’ASSEDIO
L’assurda, allucinante, demenziale vicenda del martirio subìto dalla città palestinese di Gaza sotto la duplice fèrula d’una rappresaglia-vendetta imposta da un democratico tiranno essenzialmente per ragioni d’una per fortuna molto improbabile sopravvivenza elettorale (ma la Corte Suprema d’Israele lo aspetta al varco) e di un teorema militare a proposito della “città sotterranea” che ad essa sarebbe sottostante e senza la distruzione della quale sarebbe impossibile eliminare Hamas (eppure, in tema di “microchirurgia antiterroristica di precisione”, i servizi israeliani avevano dimostrato più volte un’ammirevole perizia: si pensi al caso del generale iraniano Soleimani) ha tra l’altro avuto il tragico” merito di risollevare l’annosa polemica sulla storia degli assedi, il loro valore nodale sotto i profili militare e politico, le tattiche e le strategie che in un’impressionante dinamica si sono presentate al riguardo nella storia.
Riassumiamo e ripercorriamo il tema. Continua a leggere “Minima Cardiniana 442/1”

Minima Cardiniana 439/4

Minima Cardiniana 439/4

Domenica 5 novembre 2023, Santi Elisabetta e Zaccaria

GAZA: UN MASSACRO ASSURDO
LA PERPETUAZIONE DEL DOMINIO OCCIDENTALE PREVALE SULLA VITA DEI PALESTINESI
di Thierry Meyssan
Assistiamo impotenti al massacro della popolazione di Gaza. Già 8.000 morti! Le potenze occidentali hanno abbandonato i civili alla loro sorte. Loro unica preoccupazione: continuare a dominare il mondo. A Gaza non è in gioco la questione palestinese, ma l’ordine internazionale. Dopo la disfatta della Nato in Ucraina, quella di Israele segnerebbe la fine di un mondo.
Negli ultimi settantacinque anni mai siamo stati così vicini a uno scontro generalizzato. Continua a leggere “Minima Cardiniana 439/4”