Minima Cardiniana 327/2

Domenica 16 maggio 2021, Ascensione del Signore

EDITORIALE
“SE TI DIMENTICO, GERUSALEMME…”
Mi guardo bene dal farne un caso personale e da ridurre la grandezza degli eventi alle mie miserabili dimensioni, ma quel che accade a Gerusalemme riguarda sempre tutto il mondo. E riguarda me da quando, bambino, seguivo ogni venerdì di Quaresima per mano alla nonna le strade immaginarie di una città che non avevo mai visto, la Via Dolorosa dalla Fortezza Antonia al Calvario; da quando ragazzo percorrevo le strade di una polverosa città araba dell’Ottocento rivissuta nelle pagine di René de Chateaubriand.
Netanyahu ha vinto le elezioni, ma non ha i numeri per continuare con sicurezza a fare il premier ed è tallonato stretto dalla corte suprema perché è un ladro. Allora ha pensato bene di tornare all’assalto dell’opinione pubblica provocando gli sfratti dei palestinesi dalle case di Cheikh Jarrah e da quelle attorno alla spianata delle moschee. Continua a leggere

Minima Cardiniana 327/3

Domenica 16 maggio 2021, Ascensione del Signore

EFFEMERIDI DELLA PREPOTENZA
1. UN PO’ D’ORDINE CRONOLOGICO
Che cosa sta succedendo a Gerusalemme da lunedì 10 maggio
Tutto comincia sulla “spianata delle moschee” verso la fine del Ramadan. Si conviene lì per pregare, ma corre voce che siano in corso nuovi sfratti della popolazione araba dalla città vecchia, sulla base del noto meccanismo dell’applicazione della “legge dell’assenza” o dei provvedimenti “amministrativi” in seguito a “mancati lavori di restauro e manutenzione di edifici d’importanza storica” (lavori per la stragrande maggioranza dei quali i competenti organi – appunto – amministrativi israeliani non hanno mai espresso autorizzazione ufficiale, a parte che si tratta di cose troppo costose per i proprietari arabi). Continua a leggere