Minima Cardiniana 339/4

Domenica 8 agosto 2021, San Domenico

TORI E BUFALE
Tra i molti eruditi raccoglitori di aneddoti che per questo si atteggiano a critici degli storici professionisti e a censori degli studiosi definiti con disprezzo “accademici”, c’è un anziano signore siciliano che ama ostentare le Magnifiche Sorti e Progressive della “democrazia” liberal-liberista occidentale. Ho purtroppo avuto la malaugurata idea (“io son per mia disgrazia uom di buon cuore”, come fa dire Lorenzo Da Ponte a don Giovanni) di rispondere due o tre volte ad alcune sue provocazioni e sono stato riempito di concioni e di contumelie. Alla fine ho provato con lo “strappo” energico e sono riuscito a farmi mollare. Ma, altrove e con altri, egli imperversa. Non ho intenzione di dargli spago. Comunque, a volte colpisce nel segno. Come stavolta, scrivendo a un giornale milanese, a proposito di un dipinto uscito da un famoso pennello: un dipinto nel quale si parlava per la verità di un toro e di un torero, ma che poi fu riciclato come denunzia di un bombardamento oggetto di un’immensa speculazione finanziaria e ideologica. Un dipinto il cui protagonista mitico-simbolico dovrebb’essere un toro, mentre quello sostanziale è una bufala. Ecco qua. Continua a leggere