Minima Cardiniana 365/6

Domenica 13 febbraio 2013, Santa Fosca

OLIMPIADI DI PECHINO: TUTTO FA BRODO EPR CHI CERCA LO SCONTRO AD OGNI COSTO
MANLIO DINUCCI
I CINQUE CERCHI SPEZZATI
Le Olimpiadi invernali del 2014 – che si aprirono a Sochi in Russia il 7 febbraio alla vigilia dell’esplosione della crisi ucraina con il putsch di Piazza Maidan (18-20 febbraio) – furono definite nella campagna mediatica anti-russa le “Olimpiadi dello zar Putin”. Il presidente Obama e il vice Biden, seguiti da altri, le boicottarono accusando la Russia di violare i diritti umani degli Lgbt. Stesso scenario oggi con le Olimpiadi invernali di Pechino, definite nella campagna mediatica anti-cinese “i Giochi di potere di Xi, il Grande timoniere olimpico” (La Repubblica, 3 febbraio). Il presidente Biden le ha boicottate, accusando la Cina di violare i diritti umani degli Uiguri. Al seguito degli Stati uniti, la Gran Bretagna, il Canada, l’Australia, la Lituania, l’Estonia e il Kosovo (noto difensore dei diritti umani, inquisito per traffico di esseri e organi umani) hanno dichiarato il “boicottaggio diplomatico” delle Olimpiadi di Pechino. Continua a leggere