Minima Cardiniana 335/5

Domenica 11 luglio 2012, San Benedetto

QUANDO SI SPEGNE UNA STELLA
A PROPOSITO DI RAFFAELLA CARRÀ. UNA LETTERA DI ANDREA FASSÒ
Caro Franco,
sono matto io o sono impazziti tutti quanti?
A 78 anni Raffaella Carrà se n’è andata, malata di cancro. La notizia ci ha rattristato. Tutti chi più chi meno ci ricordiamo di lei. Riposi in pace.
Però il resto no. Si è cominciato il giorno della sua scomparsa, 5 luglio, con una lunga rievocazione su Rai 1, ovviamente già preparata (della sua grave malattia si sapeva). E fin qui va bene: è quello che è giusto fare. Ma nei giorni seguenti giornali e TV sono andati fuori controllo: ci hanno ricordato che “la regina della TV” è entrata in tutte le case rivoluzionando il nostro modo di sentire, combattendo il bigottismo ed esaltando la libertà sessuale… Eh sì, il memorabile ombelico, l’ineguagliabile finezza del Tuca Tuca, che a quanto ho sentito incontrò la disapprovazione dell’Osservatore Romano. (Non sono un bigotto, ma trovo che l’Osservatore Romano ogni tanto qualcuna buona ne ha). Continua a leggere