Minima Cardiniana 389/2

Domenica 31 luglio 2022, Sant’Ignazio di Loyola

CRISI RUSSOAMERICANA. LA VOCE DI UN DIPLOMATICO CHE HA BUONA MEMORIA E CONOSCE LA STORIA
Dinanzi a tante chiacchiere e a tante “interpretazioni” che sono in realtà il risultato della disinformazione, della menzogna e nella malriposta sfiducia nella smemoratezza altrui, ecco la testimonianza di un diplomatico che conosce il suo mestiere e sa quello che dice. Non ne condividiamo tutti i giudizi (ad esempio quello, ispirato alla “retorica di stato” russa, riguardante il “neonazismo ucraino”, molto meno presente e condizionante di quanti vorrebbero sopravvalutare il pur caratteristico “caso Azov”): anche se non possiamo negare che ci scappi da ridere ogni volta che qualche politico italiano adamantinamente antifascista, di quelli pronti a gridare allo scandalo ogni volta che si apre un buco nel quale s’insediano tre ragazzacci di casa Pound, dichiara poi che in fondo quelli della “divisione Azov” sono brave persone e che comunque il fenomeno è irrilevante. Vero è che il mondo è pieno di gente pronta a gridare Al Lupo Al Lupo e secondo cui tutte le lucertole neonaziste occidentali sono dragoni dell’Apocalisse, mentre poi dinanzi al ben armato draghetto dell’Azov dichiarano che si tratta di un geco.
A quella gente dedichiamo l’ampia, ariosa, articolata panoramica proposta da Lavrov. Che ci facciano arrivare le loro controdeduzioni; che ne enumerino gli errori; che ne denunzino i falsi. Se ne sono capaci.
Continua a leggere

Minima Cardiniana 378/3

Domenica 15 maggio 2022, San Torquato

I NUOVI DIPLOMATICI
FRANCO CARDINI
IL SIGNOR LAVROV E I RAGAZZI RAMPANTI
Tutti detestano il signor Lavrov. È terribilmente antidiplomatico. Ma come si fa a dire che i finlandesi e gli svedesi non dovrebbero entrare nella NATO, che è pericoloso per tutti e che comunque è la prova che “l’Occidente” ormai vuole la guerra con la Russia, e la vuole in tutti i modi e a tutti i costi, e che insomma l’aggressore è lui, non lei, e l’aggredita è lei, non lui?
E poi, il signor Lavrov sarà antidiplomatico nelle sue esternazioni, ma tecnicamente è un diplomatico dalla radice dei capelli alle punte dei piedi: si esprime con proprietà, fa discorsi seri, conosce le lingue. Continua a leggere