Minima Cardiniana 388/3

Domenica 24 luglio 2022, Santa Cristina

UNA LETTERA A FRANCO CARDINI
BRUNO BOSI
È una lettera privata, ma inviatami credo con intenzione di avviare un dialogo più ampio e senza raccomandazione di mantenerla segreta. Mi sembra pertanto utile farla conoscere, dato il suo contenuto interessante. FC

Salve,
ho assistito alla presentazione del libro sull’Ucraina sabato sera al castello di Montecuccolo. Per me è stata una piacevole sorpresa o meglio la sensazione di intravedere la luce alla fine del tunnel. Se un nutrito numero di uomini di scienza, che può essere ulteriormente incrementato, prende posizione contro il paradigma dominante, forse siamo alla svolta che consentirà di sgretolarlo. Credo che sia la strada giusta in quanto mette da parte i particolarismi per valorizzare i punti di condivisione. Ci sono un’infinità di aspetti delle relazioni umane che per il blocco occidentale sono ostinatamente presentate e rivendicate come espressione della democrazia mentre in realtà ne sono la negazione ma ormai la percezione che il cittadino comune ne ricava mette a nudo la falsità. La maggioranza dei cittadini non va più a votare. La risposta dell’oligarchia dominante diventa un’unanimità creata da media e politici corrotti. L’unanimità è l’ingrediente principale di ogni dittatura ma se travestita da democrazia mette al riparo da ogni responsabilità politica civile o penale in caso di cambio di paradigma. Continua a leggere

Minima Cardiniana 388/6

Domenica 24 luglio 2022, Santa Cristina

LIBRI LIBRI LIBRI
Ucraina 2022. La storia in pericolo, a cura di F. Cardini, F. Mini e M. Montesano, Lucca, La Vela, 2022, pp. 363, euri 24.
Fra tanta paccottiglia uscita in questi cinque mesi, ecco un libro che mette insieme una trentina tra studiosi, accademici, intellettuali e free lances di qualità: oltre ai tre curatori, saggi (fra gli altri) di Francesco Borgonovo, Massimo Cacciari, Luciano Canfora, Eugenio Di Rienzo, Diego Fusaro, Antonio Musarra, Moni Ovadia. Un libro tempestivo, già pronto dal marzo scorso: ne sono state messe in circolazione un centinaio di copie gratuite inviate a giornali e organi TV nonché gruppi mediatici eccetera. Silenzio: notte e nebbia. Due sole risposte: “Avvenire” e “Il Manifesto”, Nessuna recensione. È evidente che si sta cercando di zittire una voce seria e autorevole. La famosa democrazia della quale tanto si vantano politici e media. A voi il sostenere quella voce scomoda che si vuol tacitare: è l’ora del samizdat; è così che si risponde ai tentativi di liberticidio. Continua a leggere